MotoGP: Valentino Rossi “Credo nel decimo titolo, ma dovremo lavorare molto”

Il pesarese ha aggiunto "Il mio segreto? Non pensare ai 9 titoli vinti"

Sulle due vittorie di quest'anno ha detto "A Misano il successo più amato, in Australia me la sono goduta di più"
MotoGP: Valentino Rossi “Credo nel decimo titolo, ma dovremo lavorare molto”MotoGP: Valentino Rossi “Credo nel decimo titolo, ma dovremo lavorare molto”

Valentino Rossi ha parlato in un’intervista diffusa dalla Yamaha, dove ha fatto il bilancio di una stagione che lo ha visto grande protagonista, chiusa con il secondo posto finale, con due vittorie e tanti podi. L’aver battuto il proprio compagno di squadra Jorge Lorenzo lo ha riempito d’orgoglio, ma l’obiettivo per la prossima stagione è il decimo titolo, lui ci crede, la Yamaha anche.

Valentino, la stagione 2014 è terminata, qual’è il tuo bilancio?

“Sono molto contento della stagione appena conclusa. Il bilancio è sicuramente positivo, soprattutto vista l’importanza che questo anno aveva per me: era una stagione chiave, quella dove avrei deciso il mio futuro. La scorsa stagione non ero molto contento del mio piazzamento e più di una volta mi sono messo seriamente in discussione, perché dovevo capire e decidere se continuare oppure no. Il mio obiettivo è sempre stato quello di essere davanti e lottare per il podio, ma lo scorso anno non è sempre stato possibile. Alla fine di quest’anno invece sono contento, perché è andata come volevo. Ho fatto cambiamenti importanti (parla riferendosi all’addio a Jeremy Burgess, sostituito da Silvano Galbusera, ndr) che hanno funzionato e quindi sono felice. Quest’anno ho sempre lottato per il vertice, ho fatto belle gare e belle battaglie.”

Come giudichi la tua Yamaha M1?

“A fine stagione era migliore rispetto all’inizio del campionato. I nostri team, il mio e quello di Lorenzo hanno fatto un ottimo lavoro. Silvano (Galbusera, ndr), Ramon (Forcada, ndr), i telemetristi e tutti i ragazzi che lavorano per me e Jorge hanno dato molto. Insieme siamo riusciti a rendere la moto competitiva e l’unico rammarico è non avere avuto questa moto ad inizio stagione. Sarebbe stato bello averla già competitiva.”

Sei tornato ad altissimi livelli, cosa significa per te?

“Essere tornato a giocarmi la vittoria ad ogni weekend di gara è senza dubbio una grandissima soddisfazione, sia come pilota che come uomo. Gli ultimi anni sono stati piuttosto complicati. I due con la Ducati sono stati difficilissimi e anche l’anno scorso pur andando molto meglio, non riuscivo a esprimermi come volevo. Per questo ho dovuto fare scelte difficili, coraggiose e anche rischiose.”

Qual’è stato il momento più bello della stagione?

“Senza dubbio la vittoria di Misano, ottenuta davanti ai miei tifosi. Dopo cinque anni sono riuscito a tornare sul gradino più alto del podio in una gara in Italia ed è stato fantastico. Le grandi emozioni non mi hanno fatto però godere fino in fondo questo successo e infatti a Phillip Island me la sono goduta di più.”

Hai avuto un periodo avaro di risultati, come reagisce un pilota che ha vinto tanto?

“Ti devi dimenticare di tutte le vittorie. Devi capire se vuoi o no far ancora parte del gioco. Serve umiltà e lavoro. Se ti culli sugli allori, se pensi a quanto hai vinto, ai 9 mondiali, allora tanto vale rimanere a casa! Cambia lo sport, cambiano gli avversari, le moto, le gomme e non si può stare fermi a guardare.”

Pensi al decimo titolo? Potrebbe arrivare nel 2015?

“Ho sempre detto che ci credo e dopo questa stagione ci credo ancora di più. Siamo veramente vicino ai nostri avversari, anche se non sarà facile, perchè Lorenzo andrà sicuramente più forte e Marquez ha vinto 13 gare! Per riuscire a colmare questo gap devo lavorare ancora di più su me stesso, devo migliorare il lavoro con Silvano e, ovviamente, anche Yamaha dovrà darci una mano. In questa stagione la Honda è stata più forte, soprattutto ad inizio stagione, quindi se vogliamo lottare con loro bisognerà essere subito competitivi.”

Cosa farai adesso che sono finiti anche i test? Come ricaricherai le batterie?

“Continuerò ad allenarmi e poi sarò a casa a riposarmi, ma non per molto. Abbiamo in programma il Rally di Monza, il 30 novembre. I veri mesi di vacanza saranno dicembre e gennaio! A me piace andare con lo snowboard, stare insieme ai miei amici. Niente di speciale, basta stare bene e divertirsi!”

Foto: Alex Farinelli

MotoGP: Valentino Rossi “Credo nel decimo titolo, ma dovremo lavorare molto”
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

9 commenti
  1. valefumi

    18 novembre 2014 at 13:49

    Se ci credi tu non vedo motivi per cui non debba farlo anche io!

  2. ueueue

    18 novembre 2014 at 14:26

    In bocca al lupo !
    ..dai..se si avvicinano agli ingressi in curva spaventosi che fa Marquez se la possono giocare alla grande..

  3. Alecx

    18 novembre 2014 at 20:39

    AH AH AH AH AH AH che pagliaccio, il decimo titolo non lo vincerai mai finchè c’è Marquez, PIRLA!

    • LucaR

      19 novembre 2014 at 20:35

      Che strano: non commenti articoli inerenti a Lorenzo, Pedrosa, Marquez, dovizioso o alla Ducati….ma sei pronto a commentare quelli scritti su un pilota che apparentemente non ami….
      Evidentemente nella tua vita non c’è passione per nessuno, (povera la tua compagna) e tutto lascia posto ad una morbosa ossessione contro valentino.

      Poverino, che vita insulsa che devi fare tu, e quei poveri sfortunati che ti stanno accanto.

      Ciao e buona serata…si fa per dire.

  4. nandop6

    19 novembre 2014 at 13:20

    Sarà difficile vincere il mondiale, da vedere come evolverà la Yamaha rispetto alla Honda e il livello di Marquez, Lorenzo e da non sottovalutare Pedrosa che migliorerà anche lui. Spero anche nelle Ducati.

  5. bibo

    21 novembre 2014 at 06:27

    tornerà a vincere se lavoreranno molto di notte!!!! :-)

  6. bibo

    21 novembre 2014 at 12:33

    non pensare ai 9 titoli vinti????
    perchè non lo hai fatto quando eri in ducati???
    whahahahhahahahhahahhahahhahahhahaha
    la risata ci sta tutta!!!!! scusate… ma questa è proprio una barzelletta!!!!!!
    e voi che ci credete anche….. :-)

  7. Lyon66

    2 dicembre 2014 at 22:42

    @Bibo

    Sai benissimo cosa voleva dire, finto malizoso birbantello…

    Se pensi a ciò che hai vinto ti rilassi…

    Ducati…, mi spiace infinitamente dirlo ma, al posto suo, se devo rompermi le ossa su un cancello (come la Kawa anni 70 400 2 tempi) per arrivare comunque a mezza classifica…

    Ducati ne ha giovato comunque per le vendite della stradale a livello mondiale…, non ci hanno rimesso.

    Ci ha rimesso Vale per perdita di tempo, i soldi li mettevano gli sponsor e lo sai bene!!!

  8. Lyon66

    2 dicembre 2014 at 22:57

    Infatti…, Rossi con la rossa e… lo zio non è intervenuto per questa grande operazione?

    Gommini zero (come a Casey nel 2007)?

    Nessun intervento per il gap (centralina, litri, ecc.)?

    L’anno scorso ha fatto ridere, quest’anno va meglio e tutti a brontolare?

    Faccio un esempio per intenderci, l’ho già fatto anni fa quando ero VR46, ricordi?

    Alle medie (1977-1980) ero a scuola con uno sportivo, campione del Mondo indiscutibile; non faccio nomi ma è veramente,ancora, il numero uno nel suo sport.

    Come uomo non vale un euro: sborone, se la tira, gli è tutto dovuto, in poche parole una cacca di uomo; non so se ha anche evaso il fisco ma ne ha fatte di ogni ma… se devo entrare nel sito dello sport specifico non riesco a parlarne male, era ed è ancora dopo vent’anni imbattuto perchè si applicava, era un grande e non ce n’era per nessuno.

    Chissà, forse avranno dato anche a lui dei vantaggi (come Vettel/Newey – Brawn/Button/Ferrari/Mercedes)

    I vantaggi, eventuali li dai a chi ti da vantaggi, siamo onesti: Dovizioso secondo te sarebbe andato meglio di Pedrosa o Vale tanto per parlare di moto Factory?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati