MotoGP: Ducati, progressi tangibili, ora serve l’ultimo salto di qualità

L'aver scelto l'opzione Open ha portato la Rossa di Borgo Panigale a diminuire il gap dalla vetta

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
MotoGP: Ducati, progressi tangibili, ora serve l’ultimo salto di qualità

La Ducati nello scorso febbraio aveva optato per scendere in “campo” con la soluzione Open, una scelta poi rivelatasi azzeccata visti i risultati arrivati nel 2014. I vantaggi di schierarsi con questa soluzione hanno comportato l’avere una gomma morbida (che poi non sempre si è rivelata un vantaggio, anzi), 24 litri contro i 20 delle Factory ma soprattutto la possibilità di sviluppare il motore e la moto durante la stagione, questo senza subire limitazioni e potendo contare anche sui piloti ufficiali.

Pur non portando a casa nessun successo, il gap dalla vetta è diminuito sensibilmente passando da una media di 27.997s del 2011 ad una di 17.415s di questa stagione. Paolo Ciabatti (Direttore Sportivo Ducati Corse), ha fatto un bilancio durante il week-end di Valencia, ecco cosa ha detto.

“Continueremo a sviluppare la nostra moto con le concessioni che abbiamo avuto, quelle che ci hanno permesso di ridurre il gap che a fine 2013 era molto grande. Il nostro obiettivo era quello di ridurre il gap dalla vetta ed è un obiettivo che abbiamo raggiunto. Abbiamo dimostrato che possiamo essere molto veloci in qualifica e abbiamo ottenuto tre podi. Ovviamente siamo molto soddisfatti della stagione. Siamo felici, ma sappiamo che abbiamo ancora bisogno di lavorare sodo.”

Il tutto è stato raggiunto “affinando” la GP14 e dalla gara di Aragon aveva esordito la GP14.2, portata in pista da Andrea Dovizioso e Andrea Iannone, che il prossimo anno saranno insieme nel Team interno. Nel 2015 si vedrà in pista una moto nuova (motore compreso) completamente progettata dall’Ing. Gigi Dall’Igna, un progetto che dovrebbe riportare la Desmosedici a lottare per la vittoria, una vittoria che manca dal GP d’Australia 2010, quando a trionfare fu l’australiano Casey Stoner.

Di seguito i dati che evidenziano i miglioramenti della Ducati, redatti dai colleghi di Autosport.com

Gap medio dal vincitore della gara:
2011: 27.997s
2012: 29.546s
2013: 32.362s
2014: 17.415s

Gap medio dalla pole
2011: 1.137s
2012: 1.098s
2013: 1.144s
2014: 0.547s

Punti campionato costruttori:
2011: 180
2012: 192
2013: 155
2014: 211

Podi:
2011: 2
2012: 2
2013: 0
2014: 3

Alessio Brunori

17th novembre, 2014

Tag:, , , , , , ,

Lascia un commento

Devi eseguire il login per pubblicare un commento.

Orari GP Valencia - 12/11/2017

GP Valencia 2016

Guarda i risultati e le classifiche

Classifiche Motomondiale

Classifiche Team Motomondiale

Classifiche Factory Motomondiale



Classifica Superbike

Foto Random MotoGP
Foto Random Pit Girls

Sondaggio

Valentino Rossi può vincere il mondiale?

Visualizza Risultati

Loading ... Loading ...
Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.IVA 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini