MotoGP: Jeremy Burgess “E’ giusto fare test con i piloti migliori”

MotoGP: Jeremy Burgess “E’ giusto fare test con i piloti migliori”MotoGP: Jeremy Burgess “E’ giusto fare test con i piloti migliori”

Il nuovo regolamento della MotoGP ha abolito il divieto di test per i piloti ufficiali. In molti hanno etichettato la regola (che prevede come unico limite le 240 gomme a team) come un favore alla Ducati e a Valentino Rossi, che nel 2011 al suo primo anno con la Rossa di Borgo Panigale ha corso una delle peggiori stagioni da quando è nel motomondiale. Per lui solo un podio fortunoso a Le Mans e distacchi sempre pesanti. La realtà è però che anche gli altri team potranno provare e se è pur vero che in Ducati ne hanno sicuramente bisogno, Honda e Yamaha non staranno certo a guardare.

“Noi per essere più competitivi abbiamo bisogno di fare test con i nostri migliori piloti – ha detto Burgess a MCN – Abbiamo l’obbligo per gli appassionati Ducati e per Ducati di essere assolutamente competitivi e se siamo dietro abbiamo bisogno di fare test con i nostri piloti ufficiali. E’ l’unico modo per andare avanti. Le altre case avranno le stesse regole e se non lo riterranno necessario possono anche non provare. Vogliamo solo essere più vicini al Top. Abbiamo i nostri piloti di test, ma con il massimo rispetto per loro non sono all’altezza degli ufficiali. E non mi riferisco solo a Valentino (Rossi), ma a tutti i piloti Ducati. Abbiamo bisogno di lavorare insieme e risollevare questa moto molto rapidamente. E’ giusto dire che il progresso della Ducati negli ultimi anni non è stato veloce come quello delle altre case, perché nel 2007 la Ducati ha vinto. Ma nel 2008, ’09 e ’10 non lo hanno più fatto ed ha vinto la Yamaha. La Honda non ha vinto in quegli anni, quindi era nella stessa barca, come Ducati. Dani (Pedrosa) non ha vinto molte gare più di Casey (Stoner) in quel momento. La Yamaha è stata la moto migliore per tutto quel periodo e probabilmente la moto di cui andare orgogliosi, ma forse ora quella posizione potrebbe essere occupata dalla Honda. Ducati deve essere lì e non essere dietro al resto del gruppo.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

16 commenti
  1. Marino

    19 dicembre 2011 at 14:45

    E’ d’bbligo che che la ducati gp 12 “ninja” da Voi voluta dovrà essere al top, perchè diversamente……tutti a casa….sapete c’è la crisi!

  2. AndreaG

    19 dicembre 2011 at 14:50

    Come discorso credo abbia ragione, mi rimane un po’ il dubbio sull’ annata appena trascorsa, dove si sono visti tanti stravolgimenti e mai una strada maestra da seguire e che facesse da riferimento.
    Anteriore, posteriore, telaio, cambio, alluminio, carbonio, posizione in sella, distribuzione pesi, ecc…
    Ok, la moto non era di certo il top, però un minimo di idea credo che sarebbe stato possibile trovarla, mi sembra davvero difficile credere che Ducati ed il Team di Burgess fossero davvero così spaesati.
    Credo si sia trattato più di un problema di leadership.
    Diciamo che ora Rossi potenzialmente ha un bel mezzo (o meglio che a lui dovrebbe piacere), quindi sarebbe ora di cavare fuori qualcosa, e spero in caso di scarsi risultati non si corra dietro al motore desmo dicendo che è più ingombrante…
    Almeno quello lasciatelo!

  3. Marco

    19 dicembre 2011 at 15:57

    Non credo abbandoneranno il “motore Ducati” anche perché Valentino dopo le prove con la GP 12.0 ha detto che di potenza ce ne era tanta, casomai il problema era scaricarla a terra tutta. Problemi di pesi ed elettronica quindi, sui quali (spero) stiano lavorando in questi mesi.

    ciao

  4. bcs

    19 dicembre 2011 at 16:49

    Jeremy ha pienamente ragione, NON è sbagliato adesso non fare test con i piloti ufficiali, era SBAGLIATO PRIMA!!! E’ come in F1, i test DEVONO esserci , è giusto limitarli (ma NON TROPPO)…
    I collaudatori non sono al livello di un pilota ufficiale (sia a livello di velocità che come come sensibilità)… Con queste moto per vedere i difetti e i pregi devi andare FORTE!
    Inoltre una moto competitiva NON si costruisce in POCHI mesi, servono anni, quindi non è detto che la nuova Gp 12 sia al top (però ci SPERO)…

  5. H954RR

    19 dicembre 2011 at 19:07

    Chiaramente è una cosa che giova a tutti ma sopratutto alla ducati che hanno bisogno di provare molto piu degli altri, parlando di ducati con l’aiuto come stanno facendo di vari piloti tipo Checa e Bayliss oltre i vari collaudatori proveranno varie soluzioni.
    Pero’ ognuno ha il suo stile penso che far provare a troppa gente forse ci sono troppe differenze sui gusti e i modi di guidare da uno all’altro e sia piu difficile trovare la soluzione ideale per chi poi la dovra’ guidare.
    Forse sarebbe meglio farla sviluppare solo al pilota che poi andra a guidarla, credo.

  6. bcs

    19 dicembre 2011 at 20:06

    H954RR
    Bayliss, a quanto so io, NON ha provato la Gp12, ma ha fatto il collaudatore della 1199 panigale per la SBK (che correrà in SBK solo nel 2013, l anno prossimo correrà in SUperstock…
    E questa moto ha il motore portante, come la Gp11 per intenderci… Inoltre Bayliss guida con delle configurazioni MOLTO particolari…

    Checa l ha provata invece, ma ha non girato (da indiscrezioni) fortissimo…
    Come hai detto tu, quando sono in troppi si rischia di fare il minestrone…

    Un altro problema è invece quando a comandare sono gli Ingegneri, prestando poco ascolto ai piloti (qui ho citato Virginio Ferrari XD).

  7. Revlimiter

    20 dicembre 2011 at 06:45

    Ecco appunto! Finora in Ducati hanno comandato gli ingegneri, o meglio Preziosi.

    Perchè si fa presto a dire che nel 2011 hanno provato mille soluzioni diverse, ma NON E’ VERO!

    Hanno provato a cambiare mille “piccole cose” però sempre attorno a un DOGMA che fino a poche settimane fa era inalienabile (per Preziosi): il motore portante. Allora gli ing Ducati hanno acconsentito a provare un milione di cose sì, ma lasciando fermo il paradigma del “motoreportante” con tutti i vincoli di ingombri, peso, equilibrio(?) dinamico e cinetico, handling etc etc che questo comporta.

    A quanto pare ora hanno decisamente virato in una direzione precisa: servirà?
    Boh, la Honda, che pure è la Honda, ha impiegato anni a scrollarsi di dosso i fastidiosi primati di Yamaha…
    Ducati inizia oggi a provare a percorrere una nuova strada che forse si potrà rivelare vincente, ma dubito che il tempo a disposizione – pur liberalizzando i test – le consentiranno di fare tanto meglio della stagione appena conclusasi, ma i miracoli possono sempre accadere e io ci spero tanto.

  8. Revlimiter

    20 dicembre 2011 at 07:20

    P.S.

    A proposito di test, però, un dubbio atroce mi attanaglia: che fine hanno fatto tutti quei “fanatici” detrattori di Rossi i quali inneggiavano a Checa affinchè provasse la moto e “glielo facesse vedere lui a quel bollito di Rossi come si guida una Ducati”!
    Beh, a quanto pare i test di Checa sulla Ducati MotoGp hanno svelato&rivelato un sacco di belle verità che il fanatismo dilagante contro il Dottore, a quanto pare offusca…
    Stoner Lorenzo e Vale sono gli unici, enormi, piloti di questa MotoGp, più il Sic che avrebbe potuto essere con loro sicuramente, ma un destino crudele ha voluto privarcene.
    Sono solo diversi i valori in campo delle moto che guidano.
    Personalmente trovo idiota il cieco tifo calcistico, da una parte e dall’altra, contro uno qualsiasi dei 3 sopracitati.

  9. Viola

    20 dicembre 2011 at 11:52

    Sono tutti discorsi giusti, ma purtroppo conterà solo il cronometro…cmq forza Vale!!!

  10. bcs

    20 dicembre 2011 at 16:58

    @Revlimiter
    Mi hai tolto le parole di bocca, o meglio le lettere dalla tastiera XD..
    Hai capito perfettamente il mio discorso….
    Come scrivi tu (e come sostengono quasi tutti) in quest’ era la moto conta veramente TANTO, è basilare… Puoi essere il piu forte del mondo ma senza un mezzo COMPETITIVO il Mondiale non si vince…
    Honda ha già provato diversi telai ( mi pare 3)… Ducati 1,e non ha MAI usato un TELAIO!
    Inoltre cambierà motore (per trovare una posizione di guida accettabile….
    Diciamo che il lavoro a Ducati non manca :)…
    Spero in un mezzo competivo, poi Vale farà il resto!!!

  11. H954RR

    20 dicembre 2011 at 17:15

    bcs, di Bayliss sono voci che ho sentito come tante non so se sia vero o no ma si diceva che anche lui stia provando delle soluzioni per ricavare poi delle impressioni, ripeto sono voci.
    So invece che ha provato la 1199 che dicono vada molto forte.
    La cosa strana è che della 1199 ne parlano come una cosa stratosferica in tutto, ma sono soluzioni scartate in toto mi pare…. sbaglio ?

  12. bcs

    20 dicembre 2011 at 19:15

    H954RR
    Si, ho sentito anche io le voci su Bayliss, ma secondo me sono solo voci. E’ normale che quando si parla di Ducati si tira fuori Bayliss…
    Cmq la Panigale è una gran moto, il motore (superquadro) è fortemente innovativo…
    Si parla di 195 CV e un peso a vuoto (non ne sono sicuro pero) di circa 165 Kg… Un mostro!
    Considera che la Suzuki GSX-R 1000 del 2009 (una moto che amo) ha 136 CV e un peso a vuoto di 203 kg…
    Bayliss ha girato veramente forte con la versione “prova” della SBK (anche se non è stato il piu veloce in assoluto)…
    E’ molto “ristretta” come moto (vedi codino)…
    Per la ciclistica, non c’è più il classico traliccio, ma il motore è portante (già provato in parecchi anni fa da altre case, e scartato, cosi come l ha scartato Ducati in MotoGp…).
    La filosofia motore portante paga SOLO in determinate circostanza, soprattutto quando puoi richiedere delle gomme studiate SOLO per quella moto…. Ogni volta poi che si vuole cambiare le regolazioni,es la posizione di guida (determinante quando si è a quei livelli, ed è ciò che Vale NON e’ riuscito a trovare quest’anno), devi cambiare proprio il motore…
    Preziosi ha fatto un’ intervista molto interessante qualche tempo fa, se la trovo ti passo il link.

  13. H954RR

    21 dicembre 2011 at 10:57

    bcs: per me quella è un’ottima soluzione col motore che funge da portante per forcellone e telaio, come tu dici guarda come è stretta la moto a tutto vantaggio della maneggevolezza in modo che puoi fare una moto, come è la ducati, lunga per essere stabile nelle curve veloci è come compensare la perdita di maneggevolezza che comportanell’essere molto lunga, rimane solo un mio pensiero pero’ io non lo posso sapere.
    Poi in motogp magari e una soluzione che non piace a rossi perchè non si trova ed ècco il motovo dello scarto se no non mi spiego come possa essere eccezionale in una (quella stradale) e fallimentare nell’altra (la d16)oppure si potrebbe pensare che sia solo una cosa per vendere altrimenti con lo spu11anamento che è stato fatto non ne venderebbero neanche una, chi lo sa è bravo.
    Ciao.

  14. bcs

    21 dicembre 2011 at 16:30

    Diciamo che per noi amatori (o meglio per me è così) più di tanto non ci cambia molto se il motore è portante o si ha il classico telaio…
    La panigale è molto bella, ma AMO molto di più il Gsx-r ( che ho dovuto vendere :( ), oppure il mio caro stornello 125 (moto d’epoca, il mio è del 1962).
    A livelli alti il motore portante NON PAGA, soprattutto nel versante prototipi (cosa che è la paganigale, è nata per la SBK!)…
    Il motore portante l anno provato in diversi MOLTI ANNI PRIMA di Ducati (non ha inventato niente, al contrario di come pensano molti), ed è stato SUBITO (o quasi) scartato…
    Questo perchè la moto non è UN CORPO UNICO, ma è come se viene divisa in 3 parti, quindi non è prorpio il massimo (ripeto non per noi, ma per i FENOMENI veri)…
    A livelli veramente MOSTRUOSI secondo me è un’ idea che non paga se si è limitati come nella MotoGp…
    In Sbk potrebbe pagare, anche grazie all ottimo rapporto tra Ducati e Pirelli…

  15. AMATORIALE

    29 dicembre 2011 at 21:30

    telaio con motore portante paga e come paga…i risultati si sono visti fino ad oggi sia in SBK che in SSTK la Ducati risulta essere la moto vincente..quella da battere…e con una certa gommatura paga anche in MotoGp visti i risultati precedenti..certo nella perfezione della motogp forse il motore portante potrebbe essere un’ostacolo…però quello del 2012 non sarà tanto differente dal superquadro (1199) se si parla che sia un derivato…meccanicamente smontato per per pezzo è molto somiliante in alcune sue parti e componenti al blocco motore dell’alfa Romeo con catena di distribuzione..solo molto piu piccolo…

  16. bcs

    30 dicembre 2011 at 19:45

    AMATORIALE
    Ti scrivo quello che ti ho scritto in un altro post:
    CAMBIA SPORT! Di moto ne sai veramente poco… La moto che adesso corre in SBK ha il telaio in traliccio!! E’ solo la nuova (1199, che correrà in SBK nel 2013) che ha il motore portante!!
    La Ducati in SBK è SEMPRE STATA 90% prototipo e10% derivata dalla serie!!!
    Inoltre mettici il discorso delle gomee Pirelli… ed ecco fatto…
    CAMBIA SPORT, Prima di scrivere certe fesserie INFORMATI!!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP

MotoGP | Dati e statistiche del GP del Qatar

Sei diversi piloti hanno vinto la gara d'apertura della stagione: Rossi, Capirossi, Stoner, Lorenzo, Marquez e Vinales
Condividi su WhatsApp Questa sarà la quindicesima edizione del GP del Qatar, l’11esima in notturna. Il circuito di Losail ospita