MotoGP: Jeremy Burgess “Rossi sa ancora vincere, a patto che abbia una moto competitiva”

MotoGP: Jeremy Burgess “Rossi sa ancora vincere, a patto che abbia una moto competitiva”MotoGP: Jeremy Burgess “Rossi sa ancora vincere, a patto che abbia una moto competitiva”

Secondo Jeremy Burgess, Valentino Rossi è ancora in grado di vincere, sempre che abbia a disposizione una moto competitiva. Il mitico capotecnico che segue Rossi sin dal suo debutto nella classe regina ha ammesso che non sarà facile riuscire a battere Stoner e Lorenzo, ma è sempre convinto della competitività del suo pilota.

“Penso che un pilota come Valentino (Rossi) uscirà più forte da una situazione difficile come quella di quest’anno. Avrei dei dubbi se fossimo stati in questa situazione su una Honda o su una Yamaha – ha detto jeremy Burgess a MCN – Conoscendo la squadra e il “ragazzo” ci aspettavamo di vincere e durante la stagione abbiamo capito le ragioni per cui non ci siamo riusciti e siamo sicuri di migliorare. Questo è quello che è successo nel 2011, quindi direi che siamo cautamente ottimisti.”

Burgess ammette però che colmare il divario con Stoner e Lorenzo sarà dura.
“Bisogna riconoscere il valore di Casey (Stoner) e Jorge (Lorenzo). Sono i più veloci e credo che anche Valentino saprebbe riconoscerlo. Ma ci sono anche altri piloti con cui abbiamo combattuto quest’anno come Ben (Spies) e Andrea (Dovizioso). Vista la consistenza e le moto ci sarà qualche problema ad arrivare a livello di Casey e Jorge, vedremo come riuscire a ridurre il gap. Ma non si possono ignorare le prestazioni che questi due “ragazzi” hanno offerto negli ultimi due anni.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

25 commenti
  1. alex

    12 dicembre 2011 at 12:35

    ma fatemi il piacere pure io so vincere con una moto vincente ke discorsi

  2. LoZ

    12 dicembre 2011 at 13:12

    cari ragazzi…non dimentichiamoci una cosa….(trall’altro è lo stesso concetto della F1 di un tempo con quella di oggi)

    nelle nuove motogp ora c’è molta più elettronica, tanta, tantissima e il pilota più forte al mondo, VALENTINO ROSSI(non sono io a dirlo ma i titoli e record vinti) lo ha sempre detto gia da qnd era yamaha, anzi qnd’era hnda 500cc passando alla 1000cc che le moto stanno arrivando ad avere troppa ele sminuendo così le potenzialità del pilota, infatti, le honda/yamaha hanno creato dei bolidi, la ducati invece è rimasta all’evo 2007 (By Capirex e non di certo Stoner)…inoltre cmq stoner/lorenzo sono tremendamente veloci, e cosi, VR per quanto fenomeno sia, se la moto è fatta da muli anzichè cavalli….piu di qst non ha potuto fare…!!!se poi la vs. è invidia per una persona di 32 anni, ricco, simpatico, brillante, fenomeno, che vi piscia addosso…beh allora, qst è un altro paio di maniche e mi scuso con voi per aver scritto qnt soprascritto convinto che foste sportivi e non rosiconi!

  3. Marco

    12 dicembre 2011 at 13:12

    Burgess e rossi sono stati presi per rendere la moto non vincente in quanto lo era già ma fruibile per tutti. Ma se solo un anno fa lo stesso burgess dichiarava che la Ducati è una moto vincente!!!!!! poi grazie alle cure dell’infermiere della mutua la moto è sempre peggiorata, la realtà è sotto gli occhi di tutti ed è molto semplice, il 46 bastonato a dovere da lorenzo ha capito che in yamaha non c’era più aria per lui in quanto il confronto con lo spagnolo non reggeva più ed è scappato per non farsi scoprire che NON era quello che in molti e lui stesso ci volevano far credere.( quindi l’indice puntato su Ducati ) Biasimo quel Gianluca Minichini che chiama la Ducati un trattore se solo pensasse prima di scrivere, ma il super campione che ha finito a soli sette punti davanti ad un Hayden non lo fa riflettere, un Hayden che non ha lo stesso trattamento, senza un supporto prezioso come burgess e compagnia bella con uno stipendio di un quindicesimo, vabbè il tifo ma a tutto c’è un limite. Forza Hayden

  4. LoZ

    12 dicembre 2011 at 13:27

    ahahahahhahah…che rosiconi!

  5. bcs

    12 dicembre 2011 at 17:12

    Ormai la motogp è diventata simile alla F1, anzi quest anno c’è stato MOLTO più spettacolo in F1…
    Questo per dire che: quoto in pieno il discorso fatto da LoZ, ha perfettamente ragione!
    Sono convinto inoltre che l anno prossimo ci sarà un miglioramento, ma difficilmente Vale riuscirà a vincere il titolo… Oramai per fare una moto al Top servono mesi e mesi di lavoro, prove e materiale… La Ducati non è una casa Giapponese (mi riferisco alle DIMENSIONI), ha provato ad intraprendere una strada già presa da altri e abbandonata (Motore Portante) ora sta pagando il tempo perso!… Spero di sbagliarmi…
    Vale non è bollito, quando risucirà ad avere una moto al top (COME VUOLE LUI, NON COME VOGLIONO GLI INGEGNERI) tornerà a giocarsi il titolo….
    FORZA VALE!

    http://www.petizionionline.it/petizione/un-milione-di-firme-per-ridurre-gli-stipendi-ai-politici-italiani/4474

  6. Pablo

    12 dicembre 2011 at 17:50

    Rossi e sempre il piu grande e bravo, quello vi lo ricorda ogni volta che ha una macchina competitiva, punto e basta. Certo, Stoner e Lorenzo sono anche velocissimi e bravi, se non, non sarebbero campioni di MotoGP. Ma Rossi e fuoriclasse nell corpo a corpo.
    Forza Rossi per sempre!!

  7. LoZ

    12 dicembre 2011 at 18:46

    bravo bcs sono in perfetta sintonia con quanto hai scritto…trall altro se non ricordo male (ma non ci scommetterei) nel 2011 avevano vietato i test…quindi grosso punto a sfavore di chi aveva moto con motore apecross!

  8. lucianuro

    12 dicembre 2011 at 20:43

    speriamo solo che la prima gara non si becchi ancora 1 secondo a giro se no ciao a tutti

  9. FFFFF

    12 dicembre 2011 at 21:36

    Speriamo piuttosto che non se ne becchi 2 di secondi a giro…

  10. Angelo

    12 dicembre 2011 at 23:13

    bè che dire, lo ha ammesso anche burgess vince la moto non rossi.
    9 titoli mondiali e non sa guidare una moto che vinceva in mano a stoner

  11. H954RR

    13 dicembre 2011 at 12:49

    Jeremy Burgess “Rossi sa ancora vincere, a patto che abbia una moto competitiva con materiale e gomme solo alui dedicate”

    la frase cosi finita sarebbe piu giusta e allora si !
    se no contro Stoner e Lorenzo la vedo molto dura.

  12. AndreaG

    14 dicembre 2011 at 15:42

    Da ducatista non volevo Rossi, non perchè lo ritengo una farsa, bollito, ecc. ecc. ma perchè avrebbe sovrastato totalmente l’ immagine della Casa, sia in caso di vittoria, e già mi vedevo i titoli della gloria a favore di Rossi e sghignazzate in faccia agli avversari (demiliti, ridicolizzati, ecc.), sia di sconfitta.
    Purtroppo si è verificata la seconda, e come prevedevo chi ne esce con le ossa rotte? Ma ovviamente Ducati, che ha fatto la moto triciclo, anzi che manco quelli sa fare.
    Io dico solo che questa è stata la peggiore stagione di sempre da parte di Ducati a fronte dei più alti investimenti in sviluppo, investimenti mai affrontati prima, poi ognuno tira le sue somme.
    E’ ovvio che chi vince è solo uno, non per questo gli altri si devono ritirare.
    Si dice però che la Ducati vinceva solo con Stoner; perchè in Yamaha non vinceva solo Rossi? Certo che poi ha iniziato a vincere pure Lorenzo e sappiamo le scelte di Yamaha dove sono andate a parare.
    Sveglia Ducati, senza ombra di dubbio!!
    Ma sveglia pure “The Doctor” con il suo Team a ruota.
    Poi lo ripeto: facile denigrare Ducati, ma se non ci fosse stata dove sarebbe approdato Valentino a fare pesare le sue pretese??

  13. Ma_anche_no

    15 dicembre 2011 at 11:26

    alle scuole medie si facevano le equazioni, operazione matematicamente elementare.
    Facciamone una motociclistica: Stoner è il pilota più forte del momento.
    In assoluto.
    La Ducati non è vero che è/era un cancello ma una gran figona di moto iper-tutto, iper tecnologica, iper-competitiva etc etc
    Allora le “equazioni” che se ne possono sviluppare sono molteplici.
    Se Stoner è Stoner (e non si discute) e la Ducati è così stratosferica come moto (sprofondata nel baratro grazie a Rossi) il risultato dell’equazione dovrebbe essere che dopo il 2007 (mondiale vinto per circostanze fortunate seriali) la Ducati avrebbe dovuto continuare a mietere successi a mani basse, avendo in sella sempre Stoner fino a tutto il 2010. E invece ha vinto sempre meno GP anno dopo anno (andare a riguardarsi le classifiche, please).
    Altra equazione: se Ducati è così Super come moto, come mai nessun NESSUN altro pilota che l’abbia guidata ne ha mai ricavato un ragno dal buco?
    Altra equazione: se la Ducati è tale, ma Stoner è scappato a gambe levate appena gli hanno offerto una moto appena più decente, vuol dire che la Ducati non è poi sto gran “ferro” da correrci un Mondiale MotoGP.
    Risultato di tutte le equazioni è che Stoner è un grande campione. Certo. Ma la Ducati è un gran camion di moto in MotoGp, e voi faziosi, irragionevoli tifosi della peggior specie potete anche continuare a pensare che sia colpa di Rossi se la Ducati non va, ma il fatto è che non è MAI andata prima di Rossi, non va con Rossi e andrà sempre peggio anche in futuro, con o senza Rossi.
    Vi piaccia o no.

  14. MAURIX

    15 dicembre 2011 at 12:57

    A volte dimentichiamo chi sia la ducati e rossi e il coraggio di iniziare un avventura ,a rishio.(melandri e tanti altri si sono trovati in difficolta’..) e non dimentichiamo al di la degli sponsor la differenza tra ducati e honda un colosso.Dai ma chi si aspettava di vincere…nessuno. Smettiamola di dare sempre addosso al made in italy ,a tutto quello che facciamo.Per lo meno proviamoci.un saluto a tutti. maurix

  15. AndreaG

    15 dicembre 2011 at 14:33

    @ Ma_anche_no
    Mi piace vedere come giudichi dal piedistallo, esternando con grande sicurezza e fermezza le tue teorie.
    Se posso direi la mia, che per carità non è (al contrario tuo) la definitiva “teoria del tutto”, che (come nel tuo caso) è in grado di dire se esista o meno il libero arbitrio o la totale pre-determinazione degli eventi (perlomeno in campo motociclistico).
    Tu che sei appassionato di moto (credo in realtà di Rossi, ma facciamo questa ipotesi), vorresti la cancellazione della Ducati dalla MotoGp, giacchè non è in grado di fare LA moto per fare vincere il tuo campione; ed hai motivato questo nel tempo, e poco fa con indiscutibili equazioni.
    E questo non credo sia sentimento da appassionato.
    Ma purtroppo il tifo, o meglio le passioni, appunto, sono meno razionali di una equazione (razionale od irrazionele essa sia (a livello matematico in questo caso)).
    Pertanto in base a queste “irrazionalità” (dei sentimenti in quest’ altro) io continuo a sperare che Ducati faccia una moto vincente con il pilota che in quel momento la faccia rendere al meglio, senza farmi troppe paranoie isteriche.
    Il bello dello sport è che non sai mai quello che succede (al contario di ciò che hai affermato sulla base delle tue “equazioni”), e stare li a tirare accidenti o a gioire di qulcosa che non conosci è una gran bella cosa.
    Tu invece con le tue “equzioni” non riesci a goderti un bel nulla, perchè o sai già tutto, o ti convinci di saperlo.
    Buono sport!!

    PS: le equazioni le conosco, ma le uso solo al lavoro, per la modellazione di un sistema.

  16. Ma_anche_no

    16 dicembre 2011 at 11:47

    @ AndreaG:

    avevo deciso di NON risponderti MAI PIù perchè le tue repliche a tutto ciò che scrivo sono sempre molto arroganti, fino a rasentare l’insulto, ma farò un eccezione in questo caso.
    Le mie non sono “teorie” come le chiami tu, e non salgo su alcun piedistallo: mi limito a evidenziare DATI di FATTO, realtà INCONTROVERTIBILI, realmente accadute, sotto gli occhi di tutti e confermate dalle Classifiche Ufficiali dei vari Gp e della varie Stagioni.
    Poi però se non c’è peggior sordo di chi non vuol ascoltare e peggior cieco di chi non vuol vedere NON è colpa mia.

  17. Ales

    16 dicembre 2011 at 11:49

    “Lui vince anche con il ciao! ” Mi volete far credere che la gp12.347553425743 fosse peggio? Valentiniani avete sognato!!!!

  18. AndreaG

    16 dicembre 2011 at 13:24

    @ Ma_anche_no

    Al limite dell’ insulto mi sembra eccessivo, portami un esempio, perchè altrimenti sei completamente fuori strada; diciamo che mi sembra strano, sul personale non ci vado manco nella vita di tutti i giorni.
    Arroganti in alcuni casi può essere, ma se mi permetti, tu spari continuamente cacca sulla Ducati ed io da appassionato Ducati ti rispondo (siamo qui per queste facezie da tifosi, suvvia!), poi sia ben chiaro, queste discussioni occupano nella mia testa il tempo della lettura e di una eventuale commento/risposta, poi mangio e dormo sgombro da tali pensieri.
    Nel senso che se ci conoscessimo realmente potrei avere con te discussioni tète-à-tète anche accese (come poi mi capita con amici), ma poi amici come prima, senza rancore, altri sono i problemi.
    Detto ciò, io accetto a piene mani le tue osservazioni, ma anche tu dovresti, dal momento che intervenendo in un dibattito pubblico devi giocoforza mettere in conto di essere passabile di ribattuta, anche nell’ eventualità che questa fuoriesca i tuoi standard.
    Quindi se mi permetti io continuerò a rispondere ai tuoi messagi nel caso, e mai vorrei che tu limitassi la tua presenza o alterassi il tuo approccio a questo sito per colpa mia.
    Altrettanto farò io.
    Con ciò chiudo per non portare via spazio agli altri utenti con cose “a due” che esulano dall’ argomento.

  19. Ma_anche_no

    16 dicembre 2011 at 20:46

    @ AndreaG:

    confesso di apprezzare molto questa tua ultima replica,e su alcuni passaggi concordo anche.
    Tanto da dire che se avessimo confronti “live” probabilmente ci saremmo reciprocamente simpatici pur pensandola diametralmente all’opposto.
    Dal punto di vista del tifo (perchè di questo si tratta) ritengo che l’ingresso di V.R. in Ducati – visti i risultati – abbia creato due “popoli” di opposta fazione: chi ritiene che Rossi abbia nuociuto alla Rossa, e chi ritiene esattamente il contrario. Probabilmente la verità sta nell’esatta metà tra i due poli.
    Io purtroppo sono scottato – e quindi influenzato – dall’aver posseduto due Ducati in rapida successione che hanno sempre passato molto più tempo in officina che in strada o in pista :-(
    Però poi da quando giro con una MV Agusta F4, mi diverto/rilasso/diverto ogni volta che mi prende voglia di farlo e i meccanici mettono mano alla moto solo per l’ordinaria manutenzione.
    Probabilmente nel retrobottega della mia testa questo influisce non poco.
    Chiedo scusa anche io al Forum per questo “quasi” off-topic.

  20. bibo

    17 dicembre 2011 at 15:37

    i 9 titoli mondiali vinti grazie a zio ezdpeleta e alla zia michelin

  21. AndreaG

    17 dicembre 2011 at 18:57

    Il discorso sarebbe molto ampio e ovviamente discutendo si cade anche nelle frasi un po’ fatte; se devo riassumere il mio “motopensiero” è:
    -Valentino lo apprezzo come grande pilota;
    -Purtroppo è stato troppo idolatrato, portandolo ad un livello di semi-divinità, mentre è uomo con i suoi limiti, come tutti i campioni comunque hanno;
    -Non ho mai apprezzato questa cerchia di difensori devoti, che non presumono che Rossi possa sbagliare, essere battuto in modo pulito, anche a parità di mezzo;
    Questo a grandi linee, poi ci fosse più tempo/spazio amplierei di molto.
    Riguardo a Ducati, di cui sono da almeno 15-17 anni tifoso:
    -In MotoGp aveva debuttato alla grande nel 2003, per un ducatista un inizio migliore non credo fosse auspicabile, grazie anche ad un Capirossi ed un Bayliss, tutto anima e cuore;
    -Nel 2004 grandi cambiamenti di progetto e annata da dimenticare;
    -2005 non malaccio;
    -2006 poteva arrivare il mondiale con Capirossi, peccato che Gibernau…, ma comunque la moto o in generale il progetto era ottimale;
    -Poi è iniziata l’ epoca Stoner, io reputo che lui abbia dato il “la” a tutto, altri dicono che era solo la moto, opinioni diverse alle quali non c’è risposta assoluta.
    -La chiusura del rapporto è iniziata nel 2009, con voci insistenti che volevano Lorenzo su Ducati…
    Epoca attuale con Rossi.
    -Ok il progetto non è vincente, mai ho detto che lo era, di certo nessuno sano di mente si sarebbe aspettato il mondiale;
    -Ma dal momento che Stoner quando cadeva veniva considerato bollito, sbeffeggiato, criticato, auspicavo con Rossi un inizio non così in salita, vista la sua storia;
    -Questo per il fatto che anche io credevo nelle capacità di Valentino, ora sono molto più scettico;
    -Il mio scetticismo deriva dal fatto che Rossi è umano appunto come tutti, ma facendo affidamento a quello che lui è nel mondo dei motori, non abbia voluto “spendersi” per capire la Ducati, ma che la Ducati abbia dovuto inseguire lui;

    Matrimonio iniziato male, ma certo non per una colpa unilaterale, ma da condividere equamente.
    Pertanto la Ducati deve arrivare ad una moto più intuitiva (non dico facile), e Rossi capire che cambiare 100% il progetto è decisamente troppo, anche solo a livello di concetto.
    Senza considerare tutte le modifiche apportate quest’ anno e mai realmente sviluppate.
    Poi forse mi sbaglio, e lo vedremo la stagione prossima.

  22. gianni

    19 dicembre 2011 at 13:24

    ma sempre a dire le stesse cose…se in ducati negli anni passati con la 800 soltanto stoner è riuscito non vuol dire che solo lui è un fenomeno e gli altri piloti son da buttare, anzi lui è l’unico che ha interpretato quella moto…non è detto che tutti sian capaci, quindi x la ducati quel progetto è un fallimento!! la Yamaha è una moto che va forte in ingresso curva e percorrenza, la honda è rapida a girare quindi meno tempo piegata e gas aperto (vedi le derapate di stoner) la ducati ha un po’ di una ed un po’ dell’altra, soltanto che le due filosofie hanno reso questa moto non sicura ed i piloti che l’hanno guidata l’hanno detto..
    cmq i tempi fatti quest’anno da rossi sono stati molto simili a stoner dell’anno scorso, ed alcuni tempi sempre di rossi sono stati + veloci rispetto alla yamaha dell’anno scorso..
    stoner è un fenomeno sulla honda perchè la sente sicura..rossi nn la ducati nn la sente sicura..per chi ha una moto e gira in pista sa che questo dettaglio FIDUCIA è tutto..se la gomma è finita i tempi nn li fai…se le forcelle son troppo morbide le staccate nn le fai..e non osi soprattutto!grande rossi e grandi tutti i piloti della motogp e tutte le altre categorie

  23. Ma_anche_no

    19 dicembre 2011 at 16:49

    @ andreaG:

    rièeto quanto già sostenuto: la stagione prossima per la… “CoppiaRossa” sarà molto più amara di questa appena chiusa. Per il semplice fatto che da una parte i risultati (temo) non saranno affatto migliori di quest’anno rispetto alle due jap. Dall’altra parte saranno decaduti tutti gli alibi che poteva fornire la Stagione Zero per la coppia.
    Detto questo, qualora mi sbagliassi, sarei il primo a stappare una Magnum di Dom Perignon per festeggiare!

    @Gianni:
    straquoto, la penso esattamente come te!

  24. Ogre

    19 dicembre 2011 at 21:39

    Il passaggio da Honda in Yamaha fu clamoroso ed ebbe, a mio parere, un esito incredibile e anche un pò fortunato.
    Sì, Rossi è uno che in moto ci sa andare, ma la mentalità, il modo di lavorare e la concezione di moto dei colossi giapponesi sono simili, alla fin fine.

    Una realtà come Ducati è completamente diversa e Rossi non lo ha capito. E anche lo stile di guida per una moto come Ducati non è quello per Honda, Ymaha, Suzuki e Kawasaki.

    Intendiamoci, non discuto la sua bacheca trionfi e le sue vittorie, ma Rossi e la Ducati sono inconciliabili e destinati a non lottare per il titolo.

  25. AndreaG

    22 dicembre 2011 at 09:54

    @Ma_anche_no

    Ovviamente spero che tu ti stia sbagliando, anche se parlando sincramente anche io credo poco al fatto che un cambio di telaio fatto in fretta e furia possa portare ad uno stravolgimento prestazionale.
    Certo che se il concetto di moto si avvicina maggiormente a quello di Rossi, forse qualcosa in più si può sperare.
    Ma ad essere obiettivi non è più come una volta con Biaggi e Gibernau… ci sono almeno due piloti che col cavolo te la lasciano facile, in più su mezzi al top.
    Diciamo che Ducati ha fatto la sua mossa, e chiedere oltre mi parrebbe non sensato, ora tocca a Rossi e il suo Team scornarsi per fare andare ‘ sta cavolo di moto.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP

MotoGP | Dati e statistiche del GP del Qatar

Sei diversi piloti hanno vinto la gara d'apertura della stagione: Rossi, Capirossi, Stoner, Lorenzo, Marquez e Vinales
Condividi su WhatsApp Questa sarà la quindicesima edizione del GP del Qatar, l’11esima in notturna. Il circuito di Losail ospita